basso tasso. Tutti i nostri post che parlano di: basso tasso

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica basso tasso. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Tassi d’Interesse

I tassi d’interesse: Quando apriamo un conto corrente in banca dobbiamo sempre sapere quali sono le commissioni per i servizi che paghiamo e –soprattutto- se queste sono variabili o fisse. La stessa cosa succede quando ci rechiamo in banca per un prestito di qualunque genere. Dobbiamo fare molta attenzione ai tassi d’interesse. L’interesse è il prezzo che l’entità di credito chiede in cambio del prestito e per calcolarlo basta applicare una percentuale sul capitale affidatoci. Ogni banca è libera di offrire gli i tassi che desiderano ma la tendenza naturale è abbassare l’interesse quando esiste una garanzia di poterlo ripagare per esempio un garante che nel caso dei giovani sarebbe il capitale dei genitori.

I tassi d'interesse. Pick: contributi.it

I tassi d'interesse. Pick: contributi.it

Esistono casi dove le banche offrono prestiti nel breve termine e con interessi 0%. In questi casi bisogna sempre controllare le commissioni che tendono a crescere con la diminuzione degli interessi. Le banche, come ogni azienda purtroppo, non regalano niente.

I tassi sono sempre di due tipi:

Tassi fissi o Tassi variabili,

Nel caso dei tassi fissi questi rimangono costanti nel tempo perciò dall’inizio conosceremo sempre la cifra da pagare a fine mese. L’incertezza non esiste e neanche il rischio di rimetterci dei soldi senza saperlo. Tuttavia, la sicurezza si paga: i tassi fissi sono quasi sempre più cari di quelli variabili.

Nel caso dei tassi variabili questi si modificano nel periodo di ammortamento del credito, normalmente in base a un indice di riferimento che calcola l’evoluzione futura dell’investimento rispetto al prezzo del denaro sil mercato. Alla percentuale di questo indice si aggiunge di solito un’altra che è il margine o differenziale costante. Ci fa da esempio l’euribor: indice di riferimento per i tassi a quali le banche comprano o vendono denaro tra di loro. Per questo è conosciuto come interbancario. Gli si somma sempre un punto percentuale.

La differenza più notevole tra i due tassi e che con i secondi –quelli variabili- l’incertezza aumenta e non sapremo, come invece accade con quelli fissi, quale rata dovremo pagare in anticipo e con attendibilità. Con i tassi variabili si paga quello che indicherà l’indice al momento di abbonare la quota più quel punto percentuale che rimane fisso.

Per concludere, se siamo decisi a chiedere un prestito di qualsiasi tasso d’interesse che sia è sempre meglio conoscere le offerte che ci sono sul mercato. Nel caso degl’interessi fissi la decisione sta a noi perché siamo liberi di scegliere tra una banca o l’altra. Ma nel caso di scegliere tassi variabili dobbiamo sempre controllare l’indice e ricordare che al momento dell’abbonamento dovremo pagare la percentuale che segnala. Più quel punto percentuale, ovvio.

Tutto quello che devi sapere sui migliori conti correnti in Italia, le loro condizioni e servizi, e le nuove offerte per i risparmiatori.
Iscriviti via mail alle nostre news

Scrivi il tuo indirizzo e-mail:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia