Mobile Banking. Tutti i nostri post che parlano di: Mobile Banking

Successivamente puoi leggere gli articoli che i nostri autori hanno classificato nella tematica Mobile Banking. Puoi navigare con un click su ogni titolo

Nei paesi emergenti trionfa il mobile banking

La banca sul cellulare offre la possibilità di verificare il saldo corrente e gli ultimi movimenti con il nostro cellulare. È un modo rapido e facile per risparmiare tempo – a noi- e denaro alle banche che non devono spendere maggiormente per la costruzione di sportelli in luoghi dove il rendimento e la manutenzione di questi è bassa o negativa. Per il mondo economicamente sviluppato è una questione di risparmio ma per i paesi in via di sviluppo il mobile banking rappresenta la differenza tra “avere una banca” o non averla.

Africa Mobile Banking. Source: www.ugotrade.com

Africa Mobile Banking. Source: www.ugotrade.com

La tecnologia della banca sul cellulare si è adattata a necessità uniche per ogni circostanza. Fortunatamente la banca sul cellulare inizia a formarsi soprattutto nei mercati meno sviluppati dove le banche trovano impedimenti ad aprire sportelli.

Vediamo le caratteristiche di questa tipologia di servizio:

Un aiuto ai poveri

La banca sul cellulare è potenzialmente uno strumento per aiutare le persone povere nei paesi in via di sviluppo economico. Evidentemente nei paesi in via di sviluppo l’accesso della popolazione a servizi bancari “reali” è molto difficile. Per esempio in India il 36% della popolazione non ha un conto corrente dovuto ai bassi stipendi e la mancanza di banche specializzate in mocro-conti. Oggi giorno nei paesi africani meno sviluppati pagare una fattura significa diversi giorni di strada sino all’unica banca fisicamente presente sul territorio. E magari una coda di altri due giorni per effettuare il pagamento.

Incentivo alla crescita Economica

Se la popolazione di una nazione trova difficoltà ad accedere al sistema finanziario i movimenti del loro denaro sono minori e per tanto l’economia nazionale rallenta. Se la partecipazione di un cittadino all’economia è basata soltanto nei movimenti monetari di M0 sicuramente l’economia di quel paese non potrà sviluppare ne’ altri aggregati monetari ne’ i servizi relaitivi a questa attività finanziaria.

Questo è uno dei principali motivi di disfatta del capitalismo in economie in via di sviluppo. Anche se gli abitanti di una nazione come la Tanzania hanno risorse e abilità per sfruttarle quello che manca è il principale motore del capitalismo: il credito

Freno alla corruzione

La corruzione non è il causante della povertà nei mercati emergenti ma è un male endemico di queste nazioni. La banca gestita con i cellulari è un impedimento alla corruzione. Perché? La maggior parte della corruzione in questi paesi annida nel sistema amministrativo gestito “manualmente”. La tecnologia è amica di bilanci trasparenti ed immediati complicando le cose a chi gioca con il sistema “manuale” e promuovendo regolamentazioni e controlli costanti.

Conti e Paperoni: la lista Forbes

La rivista Forbes ha pubblicato la consueta inchiesta su gli uomini più ricchi al mondo. Il primo premio al conto corrente più “esuberante” è andato stavolta a Carlos Slim che ha superato Bill Gates con un capitale di oltre 53.500 milioni di dollari.

Paperon de Paperoni. Pick: wrensnestonline.com

Paperon de Paperoni. Pick: wrensnestonline.com

La lista dei principali paperoni è cresciuta in abbondanza. L’ultimo ranking della Forbes riprendeva soltanto 793 personaggi ma stavolta il numero è cresciuto sino a 1.011 persone. La cifra totale se sommati tutti i conti correnti di questi ricconi arriverebbe a quasi 4 miliardi di dollari.

Il conto di Bill Gates si è allargato sino a quaota 53.000 milioni di dollari assieme ad Omaha che arriva soltanto ai 47.000 milioni.

Gli Stati Uniti sono il principale nido di miliardari con un piccolo gruppetto che controlla all’incirca 1,1 miliardi di dollari, dopo viene l’Asia e come fanalino di coda l’Europa.

Come primo italiano della lista si conferma Leonardo del Vecchio (Luxottica)  con un capitale personale di oltre 10 miliardi di euro. E non soltanto nel conto conto corrente…

Ecco I top 10 della lista Forbes:

Carlos Slim Helu & family (53.5 milioni di dollari)

William Gates III (53.0 milioni di dollari)

Warren Buffet (47.0 milioni di dollari)

Mukesh Ambani (29.0 milioni di dollari)

Lakshmi Mittal (28.7 milioni di dollari)

Lawrence Ellison (28.0 milioni di dollari)

Bernard Arnault (27.5 milioni di dollari)

Eike Batista (27.0 milioni di dollari)

Amancio Ortega (25.0 milioni di dollari)

Karl Albrecht (23.5 milioni di dollari)

Per vedere la lista al completo clicca qui

Tutto quello che devi sapere sui migliori conti correnti in Italia, le loro condizioni e servizi, e le nuove offerte per i risparmiatori.
Iscriviti via mail alle nostre news

Scrivi il tuo indirizzo e-mail:

Condiciones de uso de los contenidos | Responsabilidad

| Canale Italia